ENRICO SCHINETTI…fra i giardini e l’altrove


LA MOSTRA DI ENRICO SCHINETTI ALL’AAB

PROSEGUE IL CICLO DEI GIARDINI ATENIESI

Si inaugura sabato 10 febbraio alle ore 18, nella sede dell’AAB in vicolo delle Stelle 4, a Brescia, la mostra “Enrico Schinetti – … fra i giardini e l’altrove” curata da Marco Ticozzi.

La mostra, che rimarrà a aperta fino al 28 febbraio, dal martedì alla domenica dalle 16 alle 19.30, gode del patrocinio del Comune di Brescia, del Comune di San Zeno Naviglio e della Provincia di Brescia.

Il maestro Enrico Schinetti, che insegna anche all’Accademia Santa Giulia, da un quarantennio tiene corsi di pittura e di figura presso l’AAB, di cui è a tutti gli effetti una colonna portante e un infaticabile animatore.

La nuova mostra segna una tappa significativa del percorso di ricerca di Schinetti, in continuità con il ciclo dei “Giardini ateniesi” esplorato negli ultimi anni.

«Nello stesso intrico vegetale, negli stessi labirinti mentali – scrive il presidente dell’AAB Massimo Tedeschi nell’introduzione del catalogo – si affacciano nuovi miti, nuovi interrogativi esistenziali e nuove emozioni personali. Il magistrale uso del colore – non a caso materia di insegnamento di Schinetti presso un’Accademia cittadina – al pari del virtuosismo nei monocromi e nel disegno è al servizio di un’arte colta, intellettualmente vigile, civilmente impegnata. Un’arte che nell’indagine sul mito e sulle figure della classicità trova alimento per scandagliare le inquietudini dell’uomo di oggi e offrire ad esse – se non una risposta – un approfondimento, un novo sguardo, una cornice significativa».

«Crono, Gea, Orfeo, Prometeo in trasparenza – scrive Marco Ticozzi – ci portano in un “altrove” del quale il percorso artistico di Schinetti è stato ricerca e genesi, e forse l’ultimo personaggio che più “ci appare nel suo svanire” è Tiresia, l’aruspice che si dissolve tra le fronde, in un’opera – Tiresia e il futuro da scrivere – quasi del tutto astratta. Fronde che sono quell’astratto arabesco che in tempi lontani animava i corpi, per poi divenire nel contempo cortina protettiva ed emanazione dei personaggi, nei cicli pittorici successivi. E sembra essere coerente il ritorno all’arabesco per celare esseri umani e divini, come fu concepito nell’antichità, quando forse si inventò l’astratto ante litteram».

 

Il catalogo della mostra esce come numero 5 della collana Curricula dell’AAB

Enrico Schinetti …fra i giardini e l’altrove

Mostra organizzata dall’Associazione Artisti Bresciani Brescia,  AAB, salone del Romanino 10 – 28 febbraio 2018

Comitato organizzativo Dino Santina, Corrado Venturini, Enrico Schinetti, Gianito Pellarini, Marco Ticozzi

Cura della mostra e del catalogo Marco Ticozzi

Apparati Gianito Pellarini

Coordinamento editoriale Elisa Bassini

Allestimento della mostra Corrado Venturini, Enrico Schinetti, Davide Stefana, Gianito Pellarini, Marco Ticozzi

Referenze fotografiche Fotostudio Rapuzzi, Brescia Marino de Simone, Brescia Luca Santoro, Brescia

Archivio storico e sito web: www.schinettienrico.it Mauro Alessandro Facchetti

Presidenza dell’AAB Massimo Tedeschi (presidente) Giuseppe Gallizioli (vice presidente) Vasco Frati (presidente onorario)

Direzione dell’AAB Dino Santina

Segreteria dell’AAB Sabrina Tengattini, Corrado Venturini

Elenco Mostre