AAB » “Ricognizione”, la mostra dei soci dell’AAB. Dal 18 settembre al 27 ottobre 2021

“Ricognizione”, la mostra dei soci dell’AAB. Dal 18 settembre al 27 ottobre 2021


Torna – dopo un anno di sosta forzata – uno degli appuntamenti più tipici e più amati della vita di AAB: Ricognizione. È, a suo modo, il “Salon” dei nostri soci, l’occasione per fare il punto sulle tendenze, sulle linee espressive, sui nuovi approdi della ricerca su cui sono incamminati gli artisti che fanno riferimento all’AAB, vale a dire una fetta consistente e particolarmente significativa della produzione artistica contemporanea a Brescia e provincia.

 

Si tratta della 25esima edizione, e anche questo fatto indica la longevità e il successo di questa rassegna, come pure la sua importanza nella vita di un’associazione che nel turbinoso anno 2020 ha tagliato il traguardo dei 75 anni di attività.

 

La mostra collettiva riunisce quest’anno 45 artisti che presentano, nel complesso, 88 opere. Una partecipazione che ci conforta e che conferma quanto gli artisti, dopo un anno e mezzo di rallentamento e sospensione dell’attività espositiva a causa della pandemia, hanno voglia di tornare a incontrare il proprio pubblico e di farlo nello spazio storico rappresentato dalla “Sala del Romanino” dell’AAB.

 

L’alta adesione ci ha indotto – per dare adeguato spazio a tutti – a scandire anche stavolta l’esposizione in tre sequenze di due settimane l’una, all’interno delle quali gli artisti sono riuniti e organizzati in ordine alfabetico. La prima sequenza si aprirà il 18 settembre e il sipario scenderà definitivamente, sull’ultima sequenza, il 27 ottobre. Si tratta dunque dell’edizione autunnale di una manifestazione che normalmente si tiene in primavera: non volevamo però rinviare per un secondo anno un appuntamento così sentito, perciò abbiamo scelto questa collocazione atipica in attesa di tornare a proporre Ricognizione nel periodo dell’anno che più la caratterizza.

 

Anche quest’anno è prevista l’esposizione di alcune opere di un artista ospite. La scelta è doverosamente caduta sul compianto Nino Fortunato Vicari (che scelse un nome d’arte arioso e lieve: Refolo). Fu presidente dell’AAB nel lontano 1954 e la famiglia ha generosamente donato alla nostra Associazione alcune opere di Refolo che rappresentano una bellissima pagina di arte bresciana.

 

Manca quest’anno l’esposizione delle opere di un alunno dei corsi dell’AAB segnalato a turno da uno degli insegnanti. La doverosa sospensione dell’attività didattica, causata dalle vicende pandemiche, è stata per l’AAB una privazione dolorosa. Siamo fiduciosi che possa tornare presto ad animare la vita dell’Associazione e della cultura a Brescia.

 

Non possiamo dire che Ricognizione sia una ripartenza visto che, come i soci sanno, anche in tempi difficili l’Associazione Artisti Bresciani non è stata ferma: ha tenuto mostre, ha proposto incontri in streaming, ha lavorato per migliorare la propria sede espositiva, ha preparato cataloghi e nuovi eventi espositivi. È innegabile però che vedere riunite le opere di tanti nostri artisti, e con una qualità così elevata, è segno di un rinnovato slancio e indica quanta vitalità l’AAB sappia esprimere, quante forme d’arte sappia offrire a Brescia.

Elenco News